Pensieri

"Oh! Fortunato me stesso se posso abbandonarmi e riposare nel tuo Sacro Costato, in quella bella ferita d’amore che emana fiamme di carità ed incendia i cuori ad ogni istante".

"Oh! Cuore Amorosissimo del mio Gesù, per me squarciato dalla lancia di Longino, è proprio quella tua gran ferita di amore che mi accresce la fede, la speranza e mi accende di santa carità. Ed io in essa mi rifugio, in essa mi nascondo e mi inabisso; essa sarà la mia salvezza. Nascosto entro il Cuore tuo, da esso compreso, oh! io non potrò perdermi: io mi salverò: io sarò dolce vittima dell’amore al Sacro Cuore, morrò consumato di amore per esso [...]. Al tuo Cuore ricorro come a sicuro asilo, nel tuo Cuore io mi nascondo; l’esule quivi trova il suo asilo sicuro, quivi il suo dolce nido, il nido d’amore".

"Procurerò comunicare a tutti l’abbondanza dell’amore che Gesù NS ci porta, affinché tutti lo amino e nessuno l’offenda".

"Sono Sacerdote tuo, ma io voglio essere Sacerdote tuo santo che zeli l'amor tuo, la salute delle anime, pecorelle, che Tu mi affiderai".

Don Eustachio Montemurro

itsqzh-CNentlidptes
Dienstag, 28 April 2020 17:11

Filippine

Rate this item
(0 votes)

STORIA DELLA MISSIONE

La missione nelle Filippine ebbe inizio nel 1981. A favorire l'arrivo della Congregazione in quella nuova terra furono i Padri della Compagnia di Gesù, che prestavano servizio pastorale presso l'Ospedale Generale Cinese di Manila e nella direzione di Radio Veritas, emittente per la trasmissione clandestina dei programmi religiosi nella Cina Continentale.
Intento primario, prefissosi dalla Superiora generale, Sr Letizia Morena, era quello di predisporre un luogo vicino di riferimento sicuro per le Suore di Taiwan, qualora un qualsiasi intervento militare o politico da parte della Cina sull'Isola avesse reso impossibile il loro apostolato e messo a rischio la loro persona.

La prima comunità, composta da tre membri, due italiane, Sr Elda Follone e Sr Salvina Cataldi, e una cinese, Sr Maria Teresina Sye, alloggiò temporaneamente in una piccola abitazione presa in fitto. Ben presto la Congregazione acquistò un immobile. Nella casa, in cui si sarebbe avviata l'opera degli Esercizi Spirituali, e poi sede del noviziato e dello iuniorato, iniziò subito a pullulare un gran numero di fanciulli, di mamme e di giovani. Anche qui cominciarono a fiorire le vocazioni.
Nel 1988 le Suore residenti a Manila si recarono nell'isola di Masbate, ove vennero ben accolte da S. E. Porfirio Iligan, ordinario della diocesi, il quale chiese alla Congregazione di erigere in Masbate un pensionato per le tante ragazze che, dai villaggi, si recavano in quella cittadina per frequentare le scuole.
Tra il 1989 e il 1995 il sogno dell'espansione nell'isola di Masbate divenne certezza con la costruzione di un' ampia casa che, ben presto, veniva adibita a scuola Materna ed Elementare frequentata oggi da numerosissimi alunni.
La casa di Masbate dispone anche di un rudimentale ambulatorio domenicale a cui gratuitamente accedono i poveri della zona per visite mediche, medicine, viveri, vestiario e per la catechesi.

In ottemperanza alle direttive della Chiesa sulla Formazione, il 15 agosto 1992 la Superiora generale, Madre Pierfranca Crobe eresse la casa di Noviziato in Manila.

Col crescere delle vocazioni autoctone, il lavoro della Congregazione si è esteso a Kalibo nell'isola di Panai, ove le Suore, dal 1994, operano in una scuola gestita dalla "Comunità cinese" per i cinesi del luogo, ma frequentata anche da filippini. A Kalibo, in località Bakhaw Sur, per andare incontro ai bisogni della diocesi, la Congregazione ha realizzato anche una casa di Spiritualità.

Dal 2001 al 2009 l'attività missionaria della Congregazione si è estesa fino a Miarayon, Bukidnon nel Mindanao nel sud delle Filippine. Qui le Suore svolgono attività pastorale tra gli aborigeni Tala-andig, sono responsabili della vita spirituale e morale della scuola, insegnano Religione in alcune classi, si occupano della gestione finanziaria della scuola e del Pensionato studenti.

Da tempo si desiderava avere una casa al centro delle isole Filippine per facilitare i viaggi dal nord al sud e con la finalità di un lavoro in parrocchia a tempo pieno per dare alle sorelle una possibilità apostolica diversa dall’insegnamento.

Dopo preghiere e discernimento il 3 dicembre 2018 si è aperta a Bogo City - Cebu una Comunità Missione composta, per il momento, da due Suore: Sr Leticia Sandigan e Sr Eleanor Pormento. L’apertura di questa opera è stata facilitata dal Vescovo ausiliare di Cebu, Sua Ecc. Mons. Oscar Florencio che stima ed ama la Congregazione, essendo stato ospite ad Ottavia nella nostra Casa di Esercizi, come cappellano, mentre attendeva ai suoi studi specialisti.

Le due Suore nei primi mesi si sono dedicate alle varie attività; ora hanno un lavoro stabile: una svolge il compito di segretaria della Parrocchia Santuario dedicato a San Vincenzo Ferreri, mentre l'altra è responsabile del negozio parrocchiale di articoli religiosi.

Le sorelle, stimate da sacerdoti e fedeli laici, sono contente e svolgono un bel lavoro alquanto impegnativo.

Per quasi un anno hanno abitato in un appartamento preso in fitto, ma dal mese di novembre 2019 si sono trasferite nella casa di un dottore, messa a nostra disposizione gratuitamente per 5 anni. Come sempre la Provvidenza  è venuta in nostro aiuto.

Attualmente le Filippine in Congregazione sono 36 di cui 33 di voti perpetui, 2 iuniori e 1 novizia. Esse operano nel loro Paese e fuori di esso con alcune presenze in Italia, Brasile, Indonesia e Stati Uniti.


COMUNITÀ

1. KALIBO • "Sacro Costato" Retreat House
2. QUEZON CITY • “Sacro Costato” Missionary Sisters
3. MASBATE • “E. Montemurro” Mission Center
4. MIARAYON • "Sacro Costato”Missionary Sisters
5. BOGO CITY • "Sacro Costato" Missionary Sisters

 

 

More in this category: « Taiwan Indonesia »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cookies erleichtern die Bereitstellung unserer Dienste. Mit der Nutzung unserer Dienste erklären Sie sich damit einverstanden, dass wir Cookies verwenden.
Weitere Informationen Ok