Pensieri

"Oh! Fortunato me stesso se posso abbandonarmi e riposare nel tuo Sacro Costato, in quella bella ferita d’amore che emana fiamme di carità ed incendia i cuori ad ogni istante".

"Oh! Cuore Amorosissimo del mio Gesù, per me squarciato dalla lancia di Longino, è proprio quella tua gran ferita di amore che mi accresce la fede, la speranza e mi accende di santa carità. Ed io in essa mi rifugio, in essa mi nascondo e mi inabisso; essa sarà la mia salvezza. Nascosto entro il Cuore tuo, da esso compreso, oh! io non potrò perdermi: io mi salverò: io sarò dolce vittima dell’amore al Sacro Cuore, morrò consumato di amore per esso [...]. Al tuo Cuore ricorro come a sicuro asilo, nel tuo Cuore io mi nascondo; l’esule quivi trova il suo asilo sicuro, quivi il suo dolce nido, il nido d’amore".

"Procurerò comunicare a tutti l’abbondanza dell’amore che Gesù NS ci porta, affinché tutti lo amino e nessuno l’offenda".

"Sono Sacerdote tuo, ma io voglio essere Sacerdote tuo santo che zeli l'amor tuo, la salute delle anime, pecorelle, che Tu mi affiderai".

Don Eustachio Montemurro

Thursday, 29 June 2023 20:31

Concorso “Eustachio Montemurro: i linguaggi della santità”

Rate this item
(0 votes)

I Laici del "Sacro Costato" della Sezione di Gravina, in collaborazione con la Congregazione e con il patrocinio del Comune di Gravina, hanno indetto un Concorso a premi (di fumetti, poesie, disegni e file multimediali, ecc.) dal tema “Eustachio Montemurro: i linguaggi della santità”, riservato agli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado del Comune di Gravina.


bando di concorsoBando di concorso


Il Concorso si è concluso il 7 giugno 2023 con la premiazione degli alunni vincitori, nella Sala Consiliare del Comune di Gravina, alla presenza delle autorità civili: il Sindaco e l’Assessore all’Istruzione.

L’iniziativa del Concorso, è stata concepita “come grande opportunità per far conoscere la figura di Padre Eustachio Montemurro, il suo pensiero e le sue opere ai più giovani, nelle scuole e nella città che gli ha dato i natali”, nel 1° Centenario della nascita al Cielo del Servo di Dio Eustachio Montemurro.